PIANINSCALA

Il progetto

IL PROGETTO

Si calcola che siano 30 milioni gli italiani che abitano in condominio, pari a 14 milioni di famiglie. (La Repubblica, 21 novembre 2012).  In condomini piccoli e grandi, in una varietà di contesti che vanno da quelli  di super lusso,  alle fatiscenti case popolari, trenta milioni di persone vivono sotto lo stesso tetto. Nel bene e nel male, il condominio è un luogo di vita, dove diverse tipologie di persone trascorrono una parte del proprio tempo.

La finalità di PIANINSCALA è appunto quella di favorire l’incontro e la condivisione fra persone che abitano nello stesso condominio e nello stesso contesto territoriale micro, affinché  fra le stesse possa svilupparsi una comunità responsabile e solidale, che sia un presidio contro la solitudine e una risorsa comune a cui attingere per migliorare la qualità della vita.

Pianinscala è un progetto fotografico: l’obiettivo del fotografo Luca Ferrari entra nelle case, nei condomini, nei palazzi per raccontare la quotidianità di chi ci abita. Un’opera in divenire che si propone come mezzo per riscoprire la “socialità di scala” ed elevarla ad espressione artistica.

Si tratta di una serie di immagini, una per inquilino, scattate all’interno delle loro case, nelle stanze che più vivono e quindi che maggiormente li possono raccontare e descrivere. Per rendere il racconto più vero e unico gli scatti sono fatti con luce ambiente, indipendentemente dal momento della giornata.

L’esito di questa prima fase progettuale è l’allestimento di una mostra fotografica in cui vengono esposti gli scatti prodotti. Questa è l’occasione in cui i cittadini che vivono sotto lo stesso tetto, anche coloro che non hanno acconsentito a farsi fotografare, saranno invitati alla conoscenza reciproca.

Pianinscala è un progetto sociale: la mostra da vita a un momento di incontro e di scambio, di socializzazione e di conoscenza, che pone le basi per lanciare altre iniziative di sostegno alla comunità: interventi non calati dall’alto ma pensati e progettati dai condomini, attraverso la costituzione di un gruppo di soggetti attivi.

 

REFERENTE DI PALAZZO (Attivatore)
Fondamentale per la riuscita e la crescita del progetto è la presenza di un referente interessato al progetto che introduca il fotografo all’interno del palazzo e dei suoi abitanti. Per far questo è sufficiente compilare il form presente sul sito.
Ecco quindi che il progetto diventa un vero e proprio universo che racconta Torino e i torinesi attraverso il loro spazio abitativo, ricostruendo così la fotografia di tutta la città.

Leave a Reply